pulshomemalg
puls storia malg
puls castello malg
pulspersmalg
pulsstelemalg
pulsgragmalg
pulsprodmalg
pulscomemalg
storiaimag1
Malgrate è un borgo medievale situato ai piedi dell'appennino Tosco-Emiliano (250 m. s.l.m ) dominato dal castello dal quale si erge la torre cilindrica alta 25 metri. La nascita del primo nucleo del paese rinasce al secondo/terzo decennio del XIV secolo, con la costruzione del castello da parte del Marchese Nicolò Malaspina; nel 1351 venne costituito il feudo di Malgrate che comprendeva i borghi di Filetto, Orturano, Irola e Mocrone, affidato al figlio Bernabò con investitura imperiale nel 1355 da Carlo IV. storiaimag3
Etimologia della parola Malgrate: 
Si narra che Niccolo' Marchesotto 
Signore del Feudo di Filattiera quando gli nacque l'ultimo figlio Bernabo', si espresse dicendo che il Neonato era venuto alla luce " a malgrado"v ovvero in cattivo tempo, 
poichè avendo gia' assegnato agli altri figli la loro quota, dovette smembrare dalle parti assegnate ai medesimi quel territorio che fu poi addetto a Malgrate, formando un piccolo feudo ed esegunedovi il Castello che appello' Malgrado.

l ramo dei Malaspina di Malgrate 
NICCOLO' Il Marchesotto  
BERNABO' +1368 
NICCOLO' +1408 
BARTOLOMEO +1456 
MALGRATO +1499 
GIOVABATTISTA + ? 
CESARE +1549 
GIUSEPPE VIV. 1492 
CESARE II +1615  
SENZA EREDI

storiaimag2

Nel 1671 muore a Cremona il Marchese G.Battista Ariberti ed un nipote, il Conte Anton Camillo Stanga, aproffitando della giovane età del figlio del Marchese e della reggenza della moglie si impossessò del feudo; nel 1745 venne ereditato per via femminile dalla famiglia Freganeschi che ne rimase proprietaria (esclusa una parentesi napoleonica durante il quale viene soppresso) fino al 1836. Nel 1909 il castello venne posto sotto vincolo monumentale della Soprintendenza ai beni culturali.Nel 1982 ha inizio il restauro.
La prima fase evolutiva si ha nel XIV/XV secolo con la costruzione della parte ovest comprendente la casa di G.A. da Faje e dei due accessi.Nel 1469 e nel 1490 il feudo venne sconvolto da rivolte popolari contro i Malaspina, innescate dall'esosità dei feudatari e appoggiata da Firenze che mirava ad impossessarsi della Lunigiana.La seconda fase di sviluppo si ha nel XVI sec,con la costruzione della porta principale ad est(1566) e della casa di Pistofilo.
Nel 1610 dopo controversie dinastiche e dissesti finanziari Cesare II l'ultimo dei Malaspina di Malgrate,cedette il feudo per 70.000 scudi alla Camera Ducale di Milano che nel 1641 lo cede alla famiglia Ariberti di Cremona.I nuovi signori diedero nuovo impulso alla vita sociale con importanti mutamenti del borgo, dando inizio alla terza fase di sviluppo con la costruzione della chiesa di San Lorenzo (1666), della parte ovest e di tutto l'ammodernamento delle strutture difensive e residenziali.